Football23

News Aggregator & Blog

Italia-Spagna, diretta: a Emerson Palmieri il compito di sostituire Spinazzola

3′ di lettura

Al 26’ è ancora 0-0 tra Italia e Spagna, nella prima semifinale di Euro 2020. Pressing alto degli spagnoli, Italia che trova qualche difficoltà a costruire. Al 3’ subito un’emozione: pallonetto di Barella finisce sul palo, ma l’azione è giudicata in fuorigioco. La Spagna esce fuori gradualmente, in particolare al 14’, quando un fendente di Ferran Torres finisce a lato della porta difesa da Donnarumma. La cosa presto chiara è che gli iberici non permettono alla squadra di Mancini di impostare il gioco, sfruttando le loro ottime doti di palleggiatori. L’occasione più ghiotta per gli azzurri al 20’, quando Simon, pressato da Emerson Palmieri, esce molto male lasciando sguarnita la porta spagnola, ma Immobile, dal limite dell’area, non ne approfitta. Gli spagnoli, però, non restano a guardare: super-parata di Donnarumma al 24’ su tiro da pochi metri di Dani Olmo.

Per gli azzurri un solo cambio rispetto al Belgio, fuori l’infortunato Spinazzola, dentro Emerson. L’Italia schiera insomma Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson; Barella, Jorginho, Verratti; Chiesa, Immobile, Insigne. La Spagna risponde con Simon, Azpilicueta, Eric Garcia, Laporte, Jordi Alba, Koke, Busquets, Pedri, Ferran Torres, Dani Olmo, Oyarzabal.

Loading…

È dunque Emerson Palmieri a sostituire lo sfortunatissimo Leonardo Spinazzola, operato con successo per la ricostruzione del tendine d’Achille, nell’undici iniziale degli Azzurri contro la Spagna, nella prima delle due semifinali di Euro 2020. Si tratta dell’unica modifica nella formazione iniziale dell’Italia rispetto alla squadra che ha eliminato il Belgio nei quarti, con la conferma di Immobile in attacco – difeso dal ct in conferenza stampa – e Berardi e Locatelli, come sempre, pronti a subentrare a gara in corso. Proprio la possibilità di poter contare su una panchina «lunga» accomuna Mancini e Luis Enrique, anche se le scelte del tecnico asturiano, al contrario di quelle del Mancio, hanno generato non poche perplessità oltre i Pirenei . Eppure la Roja è lì, tra le magnifiche quattro, a giocarsi l’Europeo, come nel 2012, con Jordi Alba unico «superstite» di quella squadra che vinse tre trofei (un Mondiale e due Europei) in quattro anni.

Intorno a questa Italia, c’è grande clima di fiducia. Gli italiani confindano che il titolo di Euro 2020 andrà agli azzurri, almeno secondo il sondaggio condotto dall’Istituto Piepoli con la metodologia mista Cati/Cawi su un campione rappresentativo della popolazione italiana dai 18 anni in su, in questo caso composto per il 48% da uomini e per il 52% da donne. Il 54% degli intervistati assegna la vittoria del torneo continentale all’Italia, mentre il 16% indica l’Inghilterra, il 7% la Spagna, il 4% la Danimarca e un complessivo 19% non sa o si dice non informato. Particolarmente ottimisti gli intervistati del Sud e delle Isole che indicano l’Italia vincente, rispettivamente, nel 65 e 69% dei casi. Così come coloro dai 65 anni in su, che la indicano nel 22% dei casi, mentre nella fascia 18-24 anni la percentuale scende al 10.

Leggi anche

L’evento sportivo che unisce Italia e Spagna, inevitabilmente, si porta dentro un omaggio speciale a Raffaella Carrà, personaggio centrale dello spettacolo, in Italia e Spagna, scomparso nella giornata di lunedì e omaggiata dal quotidiano sportivo iberico Marca con un titolo che citava una sua celebre hit (Qué fantastica esta fiesta). La Figc, intanto, ha chiesto e ottenuto dalla Uefa di inserire nella playlist utilizzata per il riscaldamento prepartita, una delle sue canzoni più amate e ballate, A far l’amore comincia tu. «La scomparsa di un’icona come Raffaella Carrà, – dice il presidente federale, Gabriele Gravina – donna innovativa e artista straordinaria, ha colpito tutti. Prima di Italia-Spagna, la sua partita, vogliamo ricordarla con allegria, ascoltando insieme la sua musica carica di energia».

https://www.ilsole24ore.com/art/italia-spagna-diretta-emerson-palmieri-compito-sostituire-spinazzola-AEVAEEV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *