Football23

News Aggregator & Blog

Neopromosse, su chi puntare nella Salernitana dopo il ritorno in Serie A: tante novità

Dopo 23 anni la Salernitana è tornata in Serie A. Seconda in classifica alle spalle dell’Empoli, la squadra granata ha chiuso la stagione regolare con 69 punti, frutto di 19 vittorie, 12 pareggi ed appena 7 sconfitte. Una promozione firmata Fabrizio Castori, allenatore esperto, concreto, che ha saputo piazzare il suo marchio di fabbrica, riuscendo a superare nel rush finale due corazzate come Lecce e Monza. La sua è stata una Salernitana di sostanza, che ha subito poco (34 reti al passivo in 38 giornate), una squadra operaia, ma spietata sotto porta. Difesa a tre, cinque centrocampisti e due attaccanti: scenario tattico che sarà riproposto anche in Serie A, ma con grandi cambiamenti negli uomini e nella rosa. L’organico attuale subirà un restyling profondo: molti lasceranno per fine prestito, altri non resteranno alla corte di Castori.

Il caso più eclatante è quello del capocannoniere della squadra, Gennaro Tutino. L’attaccante era in prestito dal Napoli, c’era un obbligo di riscatto fissato al raggiungimento di 15 gol in campionato. Ma Tutino, che spesso ha fatto la differenza, si è fermato a quota 13 reti ed ora tornerà al Napoli. Ha molto mercato in Serie B, difficilmente vestirà ancora la maglia della Salernitana. Per fine prestito, al momento, torneranno alla Lazio i vari Lombardi, Gondo, Cicerelli, Kiyine, Casasola, Adamonis, Anderson e Durmisi; stesso percorso per Jaroszynski che farà rientro al Genoa. Trattativa in corso per riscattare dall’Udinese il centrocampista Mamadou Coulibaly, piace a Castori e si farà un tentativo per acquistarlo in via definitiva. In chiave fantacalcio, la nuova Salernitana sarà molto diversa da quella che ha conquistato la promozione in Serie A. In porta si ripartirà senza dubbio da Vid Belec: sarà lo sloveno, ex Inter, il numero uno titolare nel massimo campionato. Un’altra certezza è il ventottenne Norbert Gyömbér, autentico pilastro della difesa: sarà uno dei tre centrali del pacchetto arretrato. Si proverà a trattenere il difensore Luka Bogdan, 4 reti in campionato, in prestito dal Livorno. Resterà il capitano Francesco Di Tacchio, mediano che probabilmente diventerà solo un’alternativa ai titolari. In dubbio il futuro di Milan Duric, attaccante che ha segnato 5 reti in 35 partite. Poi sarà una rivoluzione ampia che logicamente coinvolgerà tutti i reparti.

La Salernitana è ambiziosa è in chiave mercato seguirà le indicazioni di Castori: due pedine già nel mirino Gagliolo (difensore del Parma) e Dany Mota (attaccante del Monza e dell’under 21 portoghese). Ma ogni discorso è rinviato a quello che al momento è il nodo principale da sciogliere. Quello relativo alla multiproprietà con il patron Claudio Lotito, proprietario della Lazio, che da regolamento non può possedere un altro club, specialmente nella stessa categoria. Stesso discorso per Marco Mezzaroma, cognato di Lotito e socio al 50%. I due hanno usufruito nel corso di questi anni di una deroga, ma la FIGC non è più disposta a fare ulteriori eccezioni. Il regolamento è chiaro. L’articolo 7, comma 7, recita che ‘’non sono ammesse partecipazioni, gestioni o situazioni di controllo, in via diretta o indiretta, in più società del settore professionistico da parte del medesimo soggetto’’. Sul tavolo si stanno studiando varie ipotesi. Anche quella si una cessione del club.

Condividi su

https://sosfanta.calciomercato.com/neopromosse-su-chi-puntare-nella-salernitana-dopo-il-ritorno-in-serie-a-tante-novita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *