Football23

News Aggregator & Blog

Al Bayern la battaglia-show di Parigi, ma in semifinale va il Psg

Il Paris Saint-Germain è in semifinale di Champions League. La squadra di Pochettino è stata battuta in casa 0-1 dal Bayern Monaco di Flick, ma ha passato il turno forte del successo 3-2 dell’andata in Germania. Partita ricca di occasioni da gol e parigini sfortunati nel primo tempo con tre legni colpiti da Neymar e due interventi miracolosi di Neuer. Ai bavaresi non è invece bastata la rete dell’ex Choupo-Moting al 40′.

LA PARTITA

Che spettacolo. Tre ore di calcio di livello altissimo tra andata e ritorno hanno illuminato il palcoscenico europeo della Champions League, il più prestigioso, tra due squadre che hanno fatto della modernità e del gioco offensivo il proprio marchio di fabbrica. Una finale anticipata, come spesso si usa dire, ma questa volta certificato da quanto visto in campo sull’asse Monaco di Baviera-Parigi, in due confronti vinti dalla squadra ospite spennellati qua e là da giocate ad altissimo tasso di difficoltà, divertimento ed efficacia. L’ha spuntata il Psg, grazie alla burocrazia bisognerebbe dire visto il tie-break dei gol in trasferta, ma lo ha fatto andando anche contro la sfortuna dei tre pali di Neymar e la bravura di Neuer, sempre sul brasiliano. Lo zero nel tabellino è probabilmente la cosa più bugiarda della serata di Parigi, con un solo grosso rammarico per entrambe le formazioni: non aver potuto disputare questo doppio confronto con tutti i migliori giocatori a disposizione, Lewandowski in primis.

Impossibile raccontare per filo e per segno quanto visto in campo. Un remake della sfida nella neve di Monaco di Baviera all’andata, ma a parti invertite, nell’atteggiamento, nelle occasioni e anche nel risultato. Un inizio fulminante del Psg con Mbappé vicino al gol già al secondo minuto su servizio di Neymar e poi un quarto d’ora di predominio bavarese, con una pressione alta che ha portato ad un paio di occasioni buone per Kimmich e Alaba prima di lasciare spazio ai quindici minuti show di Neymar. Il brasiliano si è fatto ipnotizzare tre volte da Neuer, ma soprattutto ha timbrato altrettanto i legni della porta del tedesco, provandoci da tutte le posizioni senza però bucarlo. E come praticamente sempre accade, al primo tiro nello specchio dell’avversario, nel momento di massimo sforzo del Psg, è arrivata l’azione del vantaggio per il Bayern con una giocata di Muller, conclusa da Alaba e respinta da Navas sulla testa di Choupo-Moting per il gol che ha deciso il match al 40′. Ma non la qualificazione, perché i parigini dopo lo svantaggio hanno traballato già prima dell’intervallo, ma grazie alle parate di Navas non sono crollati.

La ripresa invece è stata vissuta tutta in un fiato dagli spettatori, specialmente quelli neutrali, in attesa che succedesse qualcosa che stravolgesse il copione del match, un colpo di scena che – a conti fatti – è arrivato proprio col fatto che nessun altro, nonostante svariate occasioni, abbia saputo infilare la porta e mischiare le carte. Spazio quindi alle giocate di altissimo livello, senza frutto finale ma strabilianti come al 53′ quando Neymar, Mbappé e Di Maria hanno confezionato, senza concluderla, un’azione degna da console. Negli ultimi minuti l’assedio del Bayern ha portato a un paio di conclusioni ribattute di Sané e Muller, lasciando spazio ai contropiedi del Psg sventati spesso da un Neuer versione libero.

Ora per il Psg, che dopo il Barcellona si è fatto lo scalpo anche del Bayern, toccherà una tra Manchester City di Guardiola e Borussia Dortmund. Una semifinale da prepararsi con il favore del pronostico, a prescindere da tutto.


IL TABELLINO
PSG-BAYERN MONACO 0-1 (and. 3-2)
Psg (4-2-3-1):
Navas 6; Dagba 5,5, Danilo 6, Kimpembe 5,5, Diallo 5,5 (13′ st Bakker 5,5); Gueye 5,5, Paredes 6,5; Di Maria 7 (43′ st Herrera sv), Neymar 7,5, Draxler 5 (27′ st Kean 5,5); Mbappé 7. A disp.: Rico, Saidani, Kehrer, Verratti, Rafinha, Sarabia, Florenzi, Pembele, Nagera. All.: Pochettino 6,5.
Bayern Monaco (4-2-3-1): Neuer 7,5; Pavard 6, Boateng 6,5, Hernandez 6, Davies 5,5 (26′ st Musiala 6); Kimmich 6, Alaba 6,5; Sané 5,5, Muller 6,5, Coman 6; Choupo-Moting 6 (40′ st Martinez sv). A disp.: Nubel, Sarr, Nianzou, Stanisic, Zaiser. All.: Flick 6,5.
Arbitro: Orsato (Italia)
Marcatori: 40′ Choupo-Moting
Ammoniti: Dagba, Herrera (P); Alaba, Muller (B)
Espulsi: nessuno

LE STATISTICHE DI OPTA
Il PSG ha raggiunto le semifinali per la seconda stagione consecutiva: nelle prime 11 partecipazioni aveva raggiunto le semifinali solo una volta.
Eric Maxim Choupo-Moting ha segnato più gol nelle sue due presenze in Champions League contro il PSG (due) di quanto fatto nelle sue 10 partite con i francesi nella competizione (uno).
Eric Maxim Choupo-Moting ha segnato quattro gol nelle ultime cinque partite di Champions League, dopo aver trovato la rete solo due volte nelle sue prime 20 presenze nella competizione.
Nelle sue sette partite di Champions League per il Bayern Monaco Eric Maxim Choupo-Moting ha segnato più gol (quattro) che nelle sue altre 21 partite in tutte le competizioni con la squadra (tre).
Il Paris SG ha ottenuto una sola vittoria nelle ultime cinque partite casalinghe nelle fasi a eliminazione diretta della Champions League (1N 3P).
Il Paris SG non è riuscito a segnare in casa in Champions League per la prima volta dopo 23 partite con gol, dallo 0-0 contro il Real Madrid nell’ottobre 2015.
David Alaba ha collezionato la sua presenza numero 425 in tutte le competizioni con il Bayern, eguagliando il record di Franck Ribery come giocatore straniero con il maggior numero di presenze per la squadra bavarese.
Mbappe è stato colto in fuorigioco sei volte stasera, il numero di offside più alto per un giocatore in questa stagione di Champions.

https://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/championsleague/champions-league-psg-bayern0-1-choupo-moting-non-basta-francesi-in-semifinale_30948659-202102k.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *