Football23

News Aggregator & Blog

Ibra, super-doppietta e infortunio: Napoli steso e Milan in vetta da solo

Nel posticipo dell’8a giornata di Serie A, il Milan batte 3-1 il Napoli e rimane da solo in vetta alla classifica. Al San Paolo, il protagonista è Zlatan Ibrahimovic: lo svedese sblocca il match al 20′ di testa, poi raddoppia di ginocchio al 54′. Gli azzurri tornano in partita con Mertens (63′), ma Bakayoko si fa espellere 2′ dopo e spegne i sogni di rimonta. Al 78′ Ibra esce per un problema al flessore della coscia sinistra. Tris di Hauge al 95′.

LE PAGELLE
Politano 6,5
– Dei quattro davanti che schiera Gattuso è di gran lunga il più in palla. Accelerazioni e giocate, soprattutto nel primo tempo. Poi èp costretto a chiedere il cambio dopo 69′ di gioco.
Bakayoko 4,5 – La prima ammonizione su Saelemaekers è probabilmente eccessiva, ma è davvero ingenuo l’intervento da dietro per fermare lo scatenato Theo Hernandez che gli costa il rosso e spegne le velleità di rimonta dei suoi
Di Lorenzo 4,5 – Serata storta per il terzino, che si divora il gol dell’1-1 colpendo la traversa da pochi passi e poi sbaglia il controllo di petto che dà il la all’azione rossonera del 2-0.

Ibrahimovic 8 – A 39 anni non finisce mai di stupire e conferma ancora una volta di essere anima e arma implacabile di questo Milan. Splendida la torsione di testa con cui sblocca il match, facile il 2-0 con una ginocchiata da pochi centimetri. Si fa male nel finale al flessore della coscia sinistra: Pioli in ansia.
Theo Hernandez 7,5 – Prestazione mostruosa del terzino francese, che in fase offensiva è un autentico martello pneumatico. Splendido l’assist per Ibra, poi da una sua accelerazione nasce l’espulsione di Bakayoko.
Kjaer 7 – Dopo appena 5′ accusa un problema all’adduttore della coscia sinistra dopo uno splendido recupero in scivolata. Stringe i denti e guida la retroguardia con la solita maestria e senza sbavature.

IL TABELLINO
NAPOLI-MILAN 1-3
Napoli (4-2-3-1):
Meret 6,5; Di Lorenzo 4,5, Manolas 6, Koulibaly 5, Mario Rui 6; Fabian Ruiz 5,5 (45′ st Elmas sv), Bakayoko 4,5; Lozano 5 (11′ st Zielinski 6), Politano 6,5 (24′ st Petagna 5,5), Insigne 5,5; Mertens 6. A disp.: Ospina, Contini, Ghoulam, Malcuit, Maksimovic, Demme, Lobotka, Llorente. All.: Gattuso 5,5
Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma 7; Calabria 6, Kjaer 7, Romagnoli 6, Theo Hernandez 7,5; Bennacer 6,5, Kessie 7; Saelemaekers 5,5 (28′ st Castillejo 5,5), Calhanoglu 6,5 (42′ st Krunic sv), Rebic 6,5 (28′ st Hauge 6,5); Ibrahimovic 8 (34′ st Colombo 6). A disp.: A. Donnarumma, Tatarusanu, Conti, Dalot, Duarte, Gabbia, Brahim Diaz, Tonali. All.: Pioli (Bonera in panchina) 7
Arbitro: Valeri
Marcatori: 20′ e 9′ st Ibrahimovic (M), 18′ st Mertens (N), 50′ st Hauge (M)
Ammoniti: Bakayoko (N), Calabria (M), Rebic (M), Kessie (M), Mario Rui (N), Castillejo (M)
Espulsi: Al 20′ st Bakayoko (N) per doppia ammonizione
Note: –

LE STATISTICHE
Questa é la seconda volta nell’era dei tre punti a vittoria che il Milan ottiene almeno 20 punti nelle prime 8 giornate di Serie A: la precedente nel 2003/04, quando poi a fine stagione vinse lo Scudetto.
Era da ottobre 2010 (reti di Robinho e Ibrahimovic) che il Milan non vinceva al San Paolo contro il Napoli in Serie A.
Era dal novembre 1992 (1-5) che il Milan non segnava almeno 3 gol in casa del Napoli in un match di Serie A.
Era da gennaio che il Napoli non perdeva due gare casalinghe consecutive di campionato. Ne ha perse 3 di fila in casa in tutte le competizioni per la prima volta da dicembre 2012 con Walter Mazzarri in panchina.
10 gol nelle prime otto giornate di questa Serie A per Zlatan Ibrahimovic: solo due giocatori nella storia del Milan hanno fatto almeno come lo svedese nelle prime 8 di massimo campionato (Van Basten 12 nel 1992/93 e Nordahl 10 nel 1950/51).
Ibrahimovic é andato in doppia cifra di reti per la quattordicesima volta in un top-5 campionato europeo, otto di queste in Serie A.
Negli ultimi 50 anni soltanto cinque giocatori sono stati in grado di segnare almeno 10 gol nelle prime otto giornate di massimo campionato: Van Basten nel 1992, Batistuta nel 1998, Dybala e Immobile nel 2017, Ibrahimovic nel 2020.
Zlatan Ibrahimovic ha trovato il gol in tutte le prime sei presenze di questa Serie A: nell’era dei tre punti a vittoria, solo tre giocatori prima di lui avevano ottenuto questo score (Gabriel Batistuta nel 1994/95, Christian Vieri nel 2002/03 e Krzysztof Piatek nel 2018/19).
Zlatan Ibrahimovic é sia il giocatore che ha segnato piú gol di testa in questo campionato (3) che quello che ne ha realizzati di piú in Serie A da inizio 2020 (sei).
Zlatan Ibrahimovic é il giocatore piú vecchio della storia in grado di segnare almeno 10 gol nelle prime 8 giornate di Serie A; il precedente primato apparateneva a Silvio Piola nel 1942/43 (29 anni).
Solamente quattro giocatori hanno segnato almeno 10 gol nei top-5 campionati europei 2020/21: Lewandowski (11), Ibrahimovic, Haaland e Calvert-Lewin. Tra questi Ibra é l’unico ad aver giocato meno di 7 partite (6 presenze).
Dall’inizio della scorsa stagione (2019/20), solo due difensori hanno segnato almeno 5 gol e fornito almeno 5 assist in Serie A: Gosens e Theo Hernandez.
Tre dei cinque assist in Serie A di Theo Hernandez sono arrivati per un gol di Ibrahimovic.
Era da luglio contro la Sampdoria che Rebic non forniva un assist in Serie A, anche in quel caso per Ibrahimovic.
Tre reti realizzate da Dries Mertens nelle sue ultime cinque sfide di Serie A contro il Milan.
Secondo cartellino rosso in Serie A per Bakayoko (l’altro con la maglia del Milan contro il Bologna nel dicembre 2018).

https://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/napoli/serie-a-napoli-milan-1-3-ibra-tiene-i-rossoneri-in-vetta-da-soli_25741670-202002a.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *